Il colore viola

C’era una volta un cardo.

Aveva un colore particolamente intenso, viola, e un portamento regale. Il fusto, dritto lo faceva spiccare su tutti gli steli d’erba e i petali che decoravano il suo capo erano come una corona morbida.

Nessuno osava avvicinarsi al cardo, molti lo temevano anche per via delle sue spine, alcune piccole e insidiose.

La pianta, così, trascorreva gran parte del suo tempo da sola, in compagnia solo delle correnti del vento, calde e umide in estate e fresche e chiacchierine in inverno.

Un bel dì si avvicinó una lucertolina: verde adamantina, con la coda lunga e il collo flessuoso e snello. La osservó dal basso e poi, spinta dalla curiosità, prese ad arrampicarsi, girando con movimenti sicuri intorno a quel fusto esile ma resistente.

“Ehi, ma che maniere sono queste!” la rimproveró il cardo. “Cosa vuoi?”

“Scusami,” rispose la lucertola, senza peró dar segno di voler scendere “so di essere stata indiscreta ma non ho mai visto un colore così intenso. Questo viola, così unico, risalta al punto che è impossibile non notarlo.”

Il musetto della lucertolina disegnó una lunga linea dagli angoli all’insù.

Il cardo, stupito, non seppe cosa rispondere e si limitó a stare in silenzio, lasciando che le brezze d’aria lo dondolassero di qua e di là.

“Non hai paura delle mie spine?” fu la sola cosa che riuscì a domandare; aveva meditato a lungo e trovava incredibile che qualcuno avesse avuto il coraggio non solo di parlargli ma anche di toccarlo.

“Oh certo.” disse la lucertola.

“E se dovessi pungerti?”

“Diró AHIA.”

“E se dovessi farti male?”

“Mi cureró le ferite ma non smetteró di restare qua, ferma, a guardarti.”

“Perché lo fai?”

“Perché conoscere qualcuno significa sfidare le spine che crescono, per quanto dolorose possano essere.”

“E cosa otterrai alla fine?”

“Il colore viola. Unico. Irripetibile. E tu, in cambio, avrai per sempre due occhi che ti guarderanno.”

Da quel giorno, il cardo e la lucertola vivono in un campo verde smeraldo dall’erba soffice come il pelo di un gatto. Insieme si lasciamo cullare dal vento; quando la notte la luna è alta in cielo, il viola dei petali disegna una sottile linea dagli angoli all’insu.

Ladypaperina

Annunci

LA PRESENTAZIONE DEI MIEI LIBRI

“C’era una volta…

su di una spiaggia, un sassolino molto infelice perché, a differenza degli altri sassolini, lui era bianco.

Per questo motivo veniva spesso deriso da tutti, che lo giudicavano diverso e quindi strano.

Quanto si sentiva solo! Lui restava lì, sulla spiaggia, a osservare il mare e sognare di essere come gli altri.

Un giorno accadde un fatto molto particolare…”

Siete curiosi di sapere come prosegue?

Vi aspettiamo il giorno 8 AGOSTO alle ore 21.30 per presentarvi, insieme al CIRCOLO MELI e alla CHANCE EDIZIONI, questa e altre favole contenute nei miei libri.

LA NOTTE DELLE FAVOLE CADENTI sta arrivando su MELITO PORTO SALVO.

❤️

Ketty

La Presentazione dei miei libri!

«E tu chi saresti?» domandò stupita la Principessa mentre a passi piccoli gli si avvicinava.

«Io sono il Principe! Che domande fai, ragazza?»

«Ma tu sei un orso!» esclamò sorridendo. «Non sapevo che un orso potesse essere anche un Principe!»

«Milady, son molte le cose che tu credi di conoscere e di sapere. Vedi, mia cara, esistono gli alberi, che si spogliano delle foglie in autunno, esistono i pesci, che nuotano nel mare, e il sole, che ogni mattina sorge e dona luce e calore a tutti noi. Tuttavia il mondo è molto più complesso di quanto tu possa anche solo immaginare. Esistono infatti cose come le emozioni, i brividi, i pensieri, la luce e le ombre» L’orsetto si alzò e le andò incontro, cercando di non inciampare nel lungo mantello di velluto blu. «Purtroppo sei abituata a osservare le cose solo con gli occhi della mente; permettimi adesso di insegnarti a guardare il mondo anche con gli occhi del cuore.»

I DUE ORSETTI è una delle fiabe contenuta nel mio libro LA NOTTE DELLE FAVOLE CADENTI.

Ti aspetto il GIORNO 8 AGOSTO ALLE 21.30, a MELITO PORTO SALVO, alla PRESENTAZIONE organizzata dal Circolo Meli in collaborazione con la Chance Edizioni ❤️

Tra le pagine di un Luogo

#castellucciodinorcia è magica, un luogo da favola. È il posto dove le colline son di velluto e il cielo è di zucchero filato.

Quale luogo migliore, quindi, per portare a spasso i miei tre libri, #lacamelianera, #volevoucciderelalberodinatale e #lanottedellefavolecadenfi?

(Visitate questi posti e parlate con la gente, guardatela negli occhi… ha infinite storie per voi)

Ladypaperina

Puntata 00 – #Starbooks

Puntata 00 – #Starbooks

https://hermesbabytypewriter.wordpress.com/2019/07/16/puntata-00-starbooks/
— Leggi su hermesbabytypewriter.wordpress.com/2019/07/16/puntata-00-starbooks/

Divertitevi ad ascoltare la puntata pilota del programma di libri (e tanto altro) #Starbooks, andata in onda su Radio Eklisse-REK.

L’ospite intervistato “ho” stata io 🙂


Ciao, Andrea.

Giornalista: “Cosa Le manca della Sicilia?”
Andrea Camilleri: “U scrusciu du mari”.

Ciao, Andrea.
Mi hai fatto ridere con i tuoi personaggi, ho assorbito come una spugna il tuo modo di narrare e di farti amare da tutti; ho invidiato la tua caparbietà nello scrivere “la lingua” e, nonostante tutto, renderti comprensibile.
“Se lo fa lui, allora posso farlo anche io!”.
Sei stato un Maestro per chi come me, in modo umilissimo, segue le tue orme.
Grazie di tutto.
Mii, chi camurria facisti.

Ketty